343 INDUSTRIES PERDE ANCORA PEZZI // FUCINA CONFERMATA IN INFINITE // NUOVE CREATURE

343 INDUSTRIES PERDE ANCORA PEZZI // FUCINA CONFERMATA IN INFINITE // NUOVE CREATURE

7 views
0

La 343 continua a perdere pezzi nel suo esecutivo…la Fucina tornerà in Infinite…svelate potenziali nuove creature all’interno del nuovo titolo…così come nuove storie su Halo all’orizzonte saranno le principali notizie di questo video. Cercherà di essere breve ma esaustivo, quindi cari Spartan, non perdiamo tempo!

Partiamo da Brad Sams, una personalità nel mondo del web, famosa per essere un insider che a differenza di molti altri, predice o anticipa quasi sempre quello che da lì a poco si debba avverare.

Risultati immagini per brad sams
Brad Sams

Così come delle sue precedenti uscite su Halo Infinite, o sul porting della MCC su PC un paio di settimane prima fosse ufficialmente annunciata, si è fatto vivo portando alla luce una situazione che abbiamo già analizzato in un precedente video: l’allontanamento dalla 343 Industries di altre personalità importanti, appena dopo quello di qualche settimana fa che ha avuto come protagonista Tim Longo, ormai ex direttore creativo.

Risultati immagini per tim longo
Tim Longo, ex Creative Director 343 Indutries

La Microsoft o la 343 non hanno ancora espresso la loro posizione ufficiale in merito, se non quella su Tim Longo dove venne asserito che è del tutto normale, secondo la loro politica, un certo tipo di mash-up o di cambi di posizioni all’interno della società. Qui però parliamo di abbandoni, non in massa ovviamente, ma di alcuni membri importanti della squadra.

Ovviamente i primi commenti dei fan di Halo a riguardo sono stati del tutto negativi, ma personalmente cerco sempre di guardare il lato opposto della medaglia. Penso che la maggior parte dei fan di Halo hanno avuto dei grossi problemi con gli ultimi 2 capitoli, e di conseguenza la fanbase si è ridotta sensibilmente. Ovviamente non sappiamo quali soggetti siano stati responsabili di quella caratteristica particolare che ci ha fatto storcere il naso in Halo 4, o degli aspetti negativi del gameplay multiplayer all’interno di Halo 5. Quello che possiamo invece affermare è che Tim Longo, essendo direttore creativo, era se vogliamo un supervisore dei contenuti, ed un giusto capo espiatorio sul quale puntare il dito. E la 343 Industries potrebbe davvero aver avuto una voglia sfrenata di cambiare rotta sotto questo aspetto; l’unico dubbio personale è la tempistica di questo cambiamento. Mancando infatti poco più di un anno all’uscita di Halo: Infinite, possiamo tranquillamente affermare che lo stato il più è stato fatto, e sarebbe impossibile negare che Tim Longo, insieme agli altri che in questi giorni avrebbero abbandonato la società, avranno lasciato sul titolo il loro marchio indelebile.

Nonostante questo, Halo Infinite sarà inevitabilmente diverso da tutti i titoli 343 usciti fino ad ora, nel bene e nel male.

Il nuovo curatore capo della modalità Fucina alla 343 Industries, Michael Schorr (aka Forge Lord), entrato a far parte del team solo 1 anno fa, ha rassicurato tutti i fan che la modalità sarà presente al 100% su Infinite. Modalità uscita solo con Halo 3 nel 2008, ma che ormai è diventata parte integrante di un franchise che continua a prosperare anche grazie ad essa. In una recente intervista, Michael ha confessato che ha letto ogni tipo di wishlist in rete, ossia proprio tutte le richieste che i fan della Fucina hanno proposto per il nuovo titolo: si andava da un editor per i tipi di terreni, alla possibilità di poter variare il volume dei liquidi, o magari aumentare il budget a disposizione. Non ci sono state conferme né smentite da parte sua, ma è sembrato che fosse al corrente di tutte queste richieste, come se ora fosse sicuro su cosa i fan vogliano vedere realizzato.

Risultati immagini per fucina halo
La Fucina tornerà in Halo: Infinite!

Altra conferma credo fondamentale per i forger lì fuori è la sicura implementazione dei tasti “redo/undo” (ripeti/annulla), come confermato su Twitter dal community manager della 343 Industries John Junyszek. Una delle più opzioni più semplici, ma che nasconde una priorità assoluta per i creatori di mappe e modalità. Grazie a questa opzione, la creazione delle mappe sarà molto più veloce e raffinata.

Come abbiamo annunciato ad inizio video, forse abbiamo delle probabili immagini di quelle che potrebbero essere nuove figure o specie naturali che potremmo trovare in Halo Infinite. Immagini mostrate solo ed esclusivamente negli appuntamenti statunitensi di Halo: Outpost Discovery.

Come hanno constatato tutti quelli che hanno preso parte alle numerose esperienze presenti, sembrerebbe che l’aspetto naturale e selvaggio dei luoghi che dovremmo esplorare sarà a dir poco centrale nella trama e molto curato fin nei minimi dettagli. Pensate a queste potenziali bestie sotto effetto di epidemia Flood…sempre che il Flood sia presente nell’installazione che andremo a perlustrare….non ci voglio neanche pensare.

File:HOD Whale2.png
Sky Leviathans, creature che potremmo rivedere in Halo Infinite

Nei vari appuntamenti, i fortunati hanno potuto assistere tramite delle immagini a ritorni di alcuni personaggi in una nuova veste, ed il sito Halo Waypoint ci ha sorpreso proponendone una versione in 3D. Uno di questi è lo “Sky Leafeon”, una delle creature più strambe che abbia mai visto, ma che potrebbe davvero essere presente nel prossimo titolo. Il “Lupo Cieco”, o Blind Wolf, una specie predatoria ufficialmente scovata sull’Arca da una squadra mista UNSC-Sangheili. Vista la prima volta in una versione Alfa di Halo: CE, fu poi scartata per una difficoltà nel ricreare animazioni fedeli. Creatura senza occhi ed arti superiori, era stata studiata per sfruttare altri sensi che potessero renderla spietata nella caccia. “Quad Wings“, una creatura quadrialata, che abbiamo visto anche in game in Halo 2 ed in multy in Halo 3. Potevano anche essere buttate giù quindi non mi dite che non ci avete mai provato, perché non ci credo!

Le sentinelle “Stewards” (assistenti) accompagnano le altre macchine dei Precursori e le assistono nei loro compiti, tramite una combinazione di sistemi di supporto e armi offensive.

Risultati immagini per stewards sentinel halo
Stewards, paura solo a guardarli!

I costrutti più grandi sono classificati come strato-sentinelle, hanno il ruolo di grandi costruttori e di supervisori degli architetti per le maggiori opere dei Precursori. Quelle usate nelle applicazioni militari vengono spesso classificate come navi da guerra, e possono essere dotate di armamenti su scala navale e sistemi difensivi. Quindi scordiamoci le sentinelle che abbiamo conosciuto precedentemente, sono sicuro che queste faranno davvero male e non so voi ma io non vedo l’ora di poterle affrontare a livello leggendario, dato che almeno queste creature sono state ufficialmente confermate come presenti in Halo Infinite.

Passiamo ora al lato Lore della questione. Se siete dei lettori assidui dei libri ed enciclopedie, Lo scorso 4 Settembre 2019 è stata preannunciata l’uscita di un romanzo su Halo firmato Troy Denning, incentrato totalmente su Master Chief.

Il nuovo romanzo Halo: Oblivion uscirà il 24 Settembre 2019 in lingua inglese.

Risultati immagini per Halo: Oblivion
Halo OBLIVION

2526. Più di un anno è passato da quando l’umanità ha incontrato per la prima volta l’ostile alleanza militare di razze aliene conosciuta come Covenant, e diverse settimane dopo il devastante contrattacco dell’UNSC con l’Operazione: SILENT STORM fu considerato un successo schiacciante. L’UNSC ha riposto la sua fiducia nelle mani degli Spartan, guidati dal leggendario Master Chief, John-117: super-soldati potenziati cresciuti e addestrati fin dall’infanzia tramite un progetto clandestino black ops per diventare armi viventi.

Ma il Covenant, infuriato e impaurita dalle inaspettate strategie e prodezze del suo nemico, non sta prendendo alla leggera la recente sconfitta, ed è ora completamente determinata a sradicare l’umanità dall’esistenza, gli sfortunati pianeti delle Colonie Esterne vengono devastati brutalmente più velocemente di quanto possa essere ordinata la ritirata.

Se l’UNSC ha qualche possibilità di porre un freno alla guerra, Master Chief e il Blue Team devono catapultarsi in un mondo vuoto e infernale per catturare una fregata Covenant disabilitata piena di preziosa tecnologia. Ha tutte le caratteristiche di una trappola, ma l’esca è troppo allettante per essere ignorata – e questo allettante premio viene offerto da comandante di flotta Covenant vendicativo e caduto in disgrazia, la cui unica opportunità di redenzione risiede nell’estinguere l’unica speranza di sopravvivenza dell’umanità…

Invece per quanto riguarda Halo: Meridian Divide, il romanzo uscirà in lingua inglese il 1° Ottobre 2019, e può già essere ordinato su Amazon.com.

Risultati immagini per Halo: Meridian Divide
Halo: MERIDIAN DIVIDE

Tre mesi sono passati da quando il mondo colonia di Meridian è stata invasa dall’alleanza aliena nota come Covenant. Sotto gli occhi vigili dei militari, Evie, Dorian, Saskia e Victor sono stati inseriti in un programma di allenamento accelerato con l’ONI, l’Office of Naval Intelligence. A sorpresa dei ragazzi, l’ONI ha una missione per loro: ritornare sul loro pianeta natale Meridian e monitorare gli sforzi del Covenant nel recuperare l’antico artefatto dei Precursori dal potere non noto.

Ma quello che sembra essere un lavoro semplice finisce subito fuori controllo. Con l’artefatto che rischia di cadere nelle mani del Covenant, la posta in gioco sale, e l’ONI invia i ragazzi e la loro squadra di combattenti della milizia a recuperare l’artefatto da studiare. Dopo una serie di passi falsi che costa alla milizia la metà delle loro forze, i ragazzi prendono in mano la situazione. Il loro viaggio li porterà oltre le linee nemiche, nel cuore delle zone di guerra di Meridian.

Your email address will not be published. Required fields are marked *