COM’È SOPRAVVISSUTO IL SGT. JOHNSON? // GLI EVENTI TRA HALO: CE E HALO 2

COM’È SOPRAVVISSUTO IL SGT. JOHNSON? // GLI EVENTI TRA HALO: CE E HALO 2

60 views
0

Ancora oggi, molti fan di Halo si chiedono come il Sgt. Johnson possa essere sopravvissuto agli eventi di Halo CE, le modalità di fuga dall’anello, o come possa essere sopravvissuto ai Flood in una situazione praticamente senza via di fuga, come testimoniato dai documenti video all’interno dell’elmetto di Jenkins.

Oggi cercheremo di essere più chiari possibile nell’esporvi gli eventi che avrebbero salvato la vita di Avery Johnson nelle fasi finali di  Halo CE.

Risultati immagini per SGT JOHNSON HALO

Finale leggendario di Halo CE. Il Sgt. Johnson è impegnato in un combattimento corpo a corpo con un Elite grosso quasi il doppio di lui. Alle sue spalle, l’implosione della Pillar of Autumn è implacabile: non c’è più nulla da fare, ed in un gesto che lascia quasi basito il suo avversario, decide di chiedergli un abbraccio. Anche i più duri hanno un cuore.

Ovviamente, dopo aver giocato Halo 2 ed assistito al ritorno del Sergente, possiamo tranquillamente pensare che questa scena potrebbe non essere canon;  è voluta essere nient’altro che una burla da parte della Bungie. Oppure può anche darsi che il Sergente era davvero destinato a perdere la vita su questo maledetto anello, ma poi quelli della Bungie potrebbero aver deciso di tenerlo in vita ancora per un altro po’, visto il nostro attaccamento al personaggio. Ma questo dovreste chiederlo a loro.

Come detto in precedenza, l’elmetto del Marine Jenkins è l’unica prova che abbiamo sugli accadimenti che avrebbero coinvolto Johnson, il Capitano Keyes ed altri Marines in una missione esplorativa sull’anello.

Risultati immagini per SGT JOHNSON JENKINS

E’ chiaro che John, in quel frangente, pensi che tutti siano stati infettati dai Flood, e che in nessun modo possano esserci sopravvissuti nella struttura contenitiva.

La realtà è ben diversa. In “Breaking Quarantine”, una graphic novel sul mondo di Halo, viene rappresentata nei dettagli la fuga del Sergente da questa struttura contaminata dai Flood.

Durante le dure fasi di combattimento, assiste all’attacco di una spora Flood nei confronti del Marine Jenkins, che lo muta ben presto in una forma da combattimento. Il Sergente si vede così costretto a sparargli, ed a porre fine alle sue sofferenze. Sappiamo infatti come una spora Flood possa impossessarsi completamente di un corpo senziente, senza portalo necessariamente alla morte celebrale, ma facendolo soffrire come non mai. Ne abbiamo parlato dettagliatamente in un video precedente che vi metto nella scheda in alto a destra, casomai vogliate recuperarlo.

Risultati immagini per HALO JENKINS

Nelle fasi più concitate Johnson viene quasi sopraffatto dai Flood, ma con le ultime forze rimaste riesce a farsi strada tra le varie stanze di contenimento, fino ad uscirne vivo e sembrerebbe evadere con altri sopravvissuti grazie ad un Pelican.

Torniamo per un attimo da John, sempre negli eventi finali di Halo CE. Al momento, è all’interno di un Longsword con Cortana.

Per descrivervi le fasi successive, ci viene in sostegno Halo: Il primo attacco, un libro scritto da Eric Nylund che svolge la funzione di ponte tra Halo: Combat Evolved e Halo 2.

Risultati immagini per halo ce legendary

Nonostante quello che Halo: Combat Evolved possa avervi fatto pensare alla fine della campagna, la situazione di Chief non è affatto tutta rosa e fiori. Sebbene possa sembrarvi al sicuro sul Longsword, evaso in tempo dalla distruzione dell’anello, la situazione in realtà è quasi tragica: ossigeno all’interno limitato, acqua e cibo scarseggianti. Per farla breve, era nella merda.

Cortana non ha di questi problemi, e cerca di rendersi utile scannerizzando varie aree all’esterno della nave in cerca di un qualunque segnale alleato, senza però trovare nessun riscontro.

Immagine correlata

Ad un certo punto un segnale lo trova, ma è quello di un incrociatore Covenant, sull’altro lato di una Luna chiamata Basis, facente parte del pianeta Treshold, dove sappiamo stazioni Alpha Halo. Mentre i due decidono di dirigersi silenziosamente verso l’incrociatore, si fa viva un’intera flotta Covenant insieme alla nave ammiraglia.

Cortana continua imperterrita a scandagliare zone remote, imbattendosi così in uno strano segnale, a prima vista appartenente a delle camere criogeniche della Pillar of Autumn.  Arrivati nelle vicinanze di Alpha Halo,  Cortana si accorge di un Pelican atterrato su di un asteroide vicino.

Identificate le camere criogeniche, una della quali conteneva  Linda-058, e riposte al sicuro nel Longsword, Chief e Cortana cominciano a valutare le condizioni del Pelican. Proprio in questi frangenti, l’incrociatore Covenant comincia ad attaccare il Longsword!

Risultati immagini per halo ce legendary PILLAR OF AUTUMN

Il Pelican, all’improvviso, entra in azione, consentendo di attirare il fuoco su di sè per permettere a Chief di eseguire un attacco mirato alle torrette dell’incrociatore.

Cortana prende il controllo del Longsword, buttandosi a capofitto tra i detriti dell’anello per evadere dal conflitto; nel frattempo Chief cerca in qualche modo di mettersi in contatto diretto con il Pelican, scoprendo che a bordo sono presenti il Comandante Sheila Pulaski, un ODST chiamato Locklear, il Tenente ONI Elias Harvison, ed il solo ed unico Sergente Avery Johnson.

Risultati immagini per HALO PELICAN

Durante le comunicazioni, Chief setta un punto di navigazione per ricongiungersi al Pelican. Una scelta pazzesca quella di Chief, dato che il luogo esatto del rendev-vous è esattamente sopra la nave ammiraglia dei Covenant.

Il piano è quello di creare un System-Link tra il Pelican ed il Longsword che consentirebbe a Cortana di controllare entrambi i mezzi nello stesso momento, ed usare l’orbita di Basis come fionda, cercando nel frattempo di evitare i cannoni delle navi nemiche ed arrivare sani e salvi in un punto sicuro. Un piano a dir poco rischioso.

Quando le due navi si riuniscono, si congiungono materialmente tramite dei portelloni.  John sale sul Pelican, e la prima persona che gli si para davanti è proprio il Sergente. Incredulo, sbalordito, si domanda come possa aver fatto a sopravvivere in quell’inferno che poco prima era l’anello, e di come abbia potuto evitare la contaminazione Flood. Al momento non si fida di Johnson, tanto da puntargli la sua stessa pistola alle tempie e chiedergli spiegazioni. Le parole di Johnson passano alla storia: “Non mi hanno attaccato perché probabilmente non ho un buon sapore”.

Risultati immagini per JOHNSON MASTER CHIEF

 Chief chiede a Cortana di effettuare un bioscan sul corpo del Sergente solo per assicurarsi che qualche spora, magari a rilascio lento, possa essersi intrufolata nel suo corpo.

Sta di fatto che, miracolosamente, Johnson è quasi più in forma di Jonh!

Per questo squadrone improvvisato è tempo di discutere dei prossimi step. Sono troppo lontani dallo spazio controllato dalla UNSC, l’unica maniera di arrivarci è con un Salto Iperspaziale. Ovviamente nè il Pelican nè tantomeno il Longsword sono in grado di crearlo, tranne che per gli Incrociatori Covenant. Bisognerebbe impossessarsi di una di queste, una missione quasi suicida, ma ora che Chief e Johnson sono di nuovo insieme, tutto è di nuovo possibile.

Scelsero l’Ascendant Justice come obiettivo, che usarono per raggiungere Reach invece che la Terra, solo per il fatto del rischio intrinseco che potessero tracciare le loro coordinate e scoprirne la posizione esatta.

Risultati immagini per ASCENDANT JUSTICE

Su Reach, ebbero modo di riunirsi con i restanti membri del Blue Team e con la Halsey.

Nel frattempo, l’incrociatore alieno adesso in mano alla UNSC fu “collegato” in qualche modo con la nave Gettysburg, dando vita ad una sorta di fregata “ibrida”. Con questa nuova nave l’equipaggio sfrutta un portale vicino Reach che la fa giungere presso una cintura di Asteroidi, precedentemente sotto assedio dei Ribelli.

I sistemi della nave non ebbero modo di avvisarli in tempo, dato che navi Covenant che stazionavano intorno a Reach ebbero modo di tracciare la Gettysburg e seguirla attraverso il portale.

Giunti a destinazione, si imbatterono in qualcosa che avrebbe per sempre cambiato la visione della guerra Umani-Covenant. La Unyielding Hierophant, un’enorme stazione di controllo e riparazione Covenant, stava preparando la più grande flotta mai vista da occhio umano, pronta a sferrare l’attacco letale contro la Terra e che avrebbe sicuramente segnato il destino dell’intera razza umana. I Covenant erano infatti venuti a conoscenza delle coordinate precise della Terra, e l’unico modo per evitare una catastrofe era eliminare la stazione e la flotta che la circondava.

Fu così che gli Spartan Master Chief, Linda, Fred, Will-043 e Grace-093, in una missione disperata, abbordarono la stazione fino a raggiungere i suoi generatori.

Durante la missione, il corpo di Grace fu dilaniato da un colpo di Lanciagranate Brute. Chief attivò il countdown dell’autodistruzione dell’armatura Spartan di Grace, per far si di non lasciare alcuna traccia della tecnologia Mjolnir nelle mani sbagliate.

Risultati immagini per ASCENDANT JUSTICE

Durante la fuga, Linda si dimostrò fondamentale con la sua precisione sopraffina del suo fucile da cecchino, abbattendo vari piloti di Banshee che cercavano di ostacolare la fuga degli Spartans. Ci fu un momento nel quale Linda rimase indietro per proteggere le spalle ai suoi compagni, quasi accettando il suo destino nefasto. Ma quel giorno avevano già perso uno Spartan, e due sarebbero stati veramente troppi, per cui Chief tornò sui suoi passi recuperando Linda, tornando così tutti insieme verso la Gettysburg.

Le due navi furono disaccoppiate, ed il Vice Ammiraglio Whitcomb prese i comandi della Ascending Justice, comunicando ai Covenant di avere a bordo un raro manufatto dei Precursori, in realtà era un semplice ologramma ma un’ottima scusa per non essere attaccato. Whitcomb voleva semplicemente creare un escamotage per attirare l’attenzione su di sé e permettere a Chief ed agli altri di dirigersi verso la  Terra ed avvisare chi di dovere delle intenzioni non amichevoli dei Covenant.

Risultati immagini per GETTYSBURG HALO

L’Ascending Justice entrò in collisione con la stazione dei Covenant, causando l’esplosione improvvisa dei reattori, che distrusse circa 500 vascelli pronti ad invadere la Terra. Tutto questo provocò uno stallo nei progetti alieni, un grosso ritardo nella preparazione della flotta da parte dei Covenant. Proprio quello che Whitcomb sperava.

Ora capiamo il motivo per il quale l’Ammiraglio Terrence Hood rimane sorpreso quando, durante le prime fasi di Halo 2, una piccola flotta comandata dal Profeta del Rimorso cerca di dirigersi verso la Terra sfidando le difese orbitali.

Ed è da questo punto che hanno inizio gli eventi di Halo 2.

Your email address will not be published. Required fields are marked *