Xbox Project Scarlett, ‘Lockhart’, e ‘Anaconda’ // Tutto quello che sappiamo

Xbox Project Scarlett, ‘Lockhart’, e ‘Anaconda’ // Tutto quello che sappiamo

136 views
0

È oramai un segreto di Pulcinella che la prossima generazione di console, inclusa la prossima Xbox, arriverà presto (relativamente parlando). L’attuale serie di voci stima la probabile data di uscita per le prossime grandi offerte di Microsoft e Sony nel 2020. Il nome in codice abbastanza evocativo per il futuro di Xbox pare essere Project Scarlett.

Secondo un rapporto di Thurrott, una dei più importanti magazine di tecnologia, oltre a Scarlett o qualsiasi altra versione della prossima Xbox, Microsoft sta pianificando di rilasciare una console meno costosa interamente priva di disco. Si parla anche di un software che ti permetterebbe di trasformare i tuoi giochi fisici nei loro equivalenti digitali. Secondo quanto riferito, questa console non appartiene alla famiglia Scarlett e servirebbe piuttosto come un ponte tra questa generazione e l’altra. 

Le ultime notizie e rumors

Mentre i dettagli concreti sul progetto Scarlett sono ancora acerbi, ci sono un certo numero di nuovi e stuzzicanti bocconcini che cominciano a circolare sullo sviluppo intorno alla prossima console di Microsoft. Intanto, mentre Sony si è impegnata a saltare il prossimo E3, Microsoft risponde raddoppiando la sua presenza con una massiccia presenza allo show.

Il responsabile di Xbox Phil Spencer ha confermato che la società sta pianificando una “grande” e “divertente” vetrina per la conferenza di Los Angeles; se le speculazioni su una release per il 2020 della prossima console si rivelassero mirate potrebbe significare un annuncio senza precedenti.

Risultati immagini per xbox scarlett

Ci sono anche altri interessanti rumors che vanno in giro per le rete, inclusa una menzione casuale su Twitter da parte del capo del servizio live di BioWare Chad Robertson che cita “Il salvataggio di Anthem passerà in automatico alla prossima generazione di console se il gioco verrà rilasciato per quelle piattaforme.” C’è anche la conferma che sentiremo di più sul Project xCloud alla GDC di fine di marzo, il servizio di streaming Xbox che sicuramente giocherà un ruolo fondamentale nel prossimo hardware della Microsoft. 

Cos’è Xbox Project Scarlett?

Xbox Project Scarlett è quindi il nome in codice per la prossima console di Microsoft. Come con Project Scorpio, questo non sarà il nome definitivo per la prossima console Xbox, ma proprio come lo chiameremo fino a quando non sarà ufficialmente uscita. Potrebbe essere Xbox Two? O qualcosa di ancora più accattivante, come Xbox Zero o Xbox Infinite? 

I nostri primi suggerimenti sono giunti tramite un report su Windows Central . Secondo le loro fonti, la prossima generazione di console Xbox includerà i successori sia delle attuali generazioni di Xbox One S che della più potente Xbox One X. Il successore della S avrebbe il nome in codice “Lockhart” ed è probabilmente il candidato al progetto Scarlett Cloud, console di cui abbiamo sentito parlare. Il successore della console X è denominato “Anaconda”. È importante sottolineare che entrambe le console supporterebbero tutti gli attuali giochi Xbox One, inclusa la libreria di Xbox 360 e i giochi Xbox originali giocabili grazie alla retrocompatibilità. 

Il capo di Xbox, Phil Spencer, ha iniziato ufficialmente a parlare del futuro di Xbox all’E3 2018 durante la conferenza stampa. Ha scherzato sul fatto che la compagnia sta lavorando non ad una, ma almeno a più di una console, che come immaginerete ha attirato l’attenzione di fan e critici. 

Quando è la data di uscita di Xbox Project Scarlett?

Secondo un rapporto di Thurott – parecchi a stretto contatto con insider Microsoft – la casa di Redmond avrebbe presumibilmente intenzione di rilasciare la prossima versione della console Xbox nel 2020 e, secondo lo stesso rapporto, Project Scarlett sarebbe “una famiglia di dispositivi”, il che dovrebbe significare ottenere più lanci di prodotti spalmati in due anni. 

È interessante notare che le voci suggeriscono anche che la PS5 arriverà da qualche parte nella finestra 2019-2020.

Quali saranno le specifiche di Xbox Project Scarlett?

Per quanto riguarda le specifiche per il progetto Xbox Scarlett, siamo ancora molto al buio, ma è interessante osservare l’evoluzione di Xbox One da Xbox One S a Xbox One X per capire dove e come si muoverà Microsoft. Sia Xbox One che PS4 sono ostacolati dalla loro architettura CPU AMD Jaguar obsoleta, motivo per cui la maggior parte dei giochi è limitata a 30 fps su console di generazione corrente. PS4 Pro e Xbox One X hanno entrambi risolto questo problema in una certa misura grazie alla maggiore velocità di clock della GPU e ai salti complessivi nelle capacità di calcolo, ma la CPU Jaguar AMD è rimasta pressoché invariata, tranne che con velocità di clock più elevate. 

Le indicazioni sono che Microsoft continuerà a utilizzare l’hardware AMD nelle loro console, a giudicare da un’intervista con il CEO di AMD Lisa Su su Mad Money di CNBC, dove conferma che la società continua a collaborare con Microsoft per i progetti di gaming e cloud computing. Qualcosa che incorpori l’architettura di Zen 2 di AMD è per lo più probabile. Inoltre, secondo un annuncio di lavoro del team di Xbox per un ingegnere che ha familiarità con la memoria della GPU GDDR6, è probabile che vedremo tutto questo sulle prossime console. 

In un’intervista con Giant Bomb , Phil Spencer ha affermato che ci sono due cose su cui Microsoft ha bisogno di concentrarsi: frame rate e tempi di avvio. 

Risultati immagini per xbox scarlett

“Penso che il frame rate sia un’area in cui le console possono fare di più”, ha affermato Spencer. “Quando si guarda al bilanciamento tra CPU e GPU nelle console di oggi, sono un po’ fuori gioco rispetto a ciò che accade sul PC”. 

Ha anche detto che è sempre “desideroso che i giochi inizino più velocemente”, che è sempre stato un problema particolare su questa attuale generazione di console, in particolare con Xbox One, che non ti dice nemmeno quanto tempo è rimasto fino al completamento del download, solo GB o MB rimanenti. Speriamo che questo si leghi al lavoro che Microsoft sta facendo con la nuova tecnologia FastStart annunciata all’E3 2018. FastStart carica prima i file di gioco più importanti per consentire ai giocatori di iniziare il gioco senza dover attendere il download per intero. 

Non abbiamo ancora sentito parlare delle specifiche attuali del Progetto Scarlett, ma ci possiamo scommettere che Microsoft punterà a 4K 60fps su tutti i giochi.

Cos’è allora Project Scarlett Cloud?

Accanto al modello di punta, Microsoft sta lavorando a una seconda versione della sua prossima console, più economica, destinata a un mercato abbastanza diverso. Secondo un rapporto di Thurrott , Microsoft sta lavorando su qualcosa con nome in codice Xbox Project Scarlett Cloud. Questa seconda console è presumibilmente un servizio di streaming / sottoscrizione di giochi molto più economico rispetto alle console Xbox tradizionali. Utilizzerà la tecnologia cloud per fornire esperienze di gioco di alta qualità ma senza tutta la prestanza grafica / tecnologica proveniente dalla scatola stessa.

L’elaborazione e il potere grafico proverranno da una fonte esterna, qualitativamente ottima o meno a seconda della vostra connessione, e si dovrà pagare un abbonamento. È un pò come fanno già Nvidia Shield e Blaze Shadow Box. Fondamentalmente stai semplicemente trasmettendo giochi direttamente nella tua TV. Potrebbe essere in realtà il “Netflix dei giochi” su cui tutti hanno parlato per un po ‘di tempo. 

L’hardware di streaming utilizzerà sicuramente la tecnologia XCloud annunciata da Microsoft, che combina l’elaborazione locale e cloud per ridurre la latenza nei giochi di streaming. I calcoli che devono essere eseguiti alla latenza più bassa possibile, ad esempio gli input e il rilevamento delle collisioni, verranno gestiti dall’hardware di Project Scarlett, mentre il rendering grafico e altri compiti saranno scaricati nel cloud. Questa sorta di soluzione di streaming di giochi richiama l’annullata iniziativa “Project Hobart” di Microsoft, che secondo quanto riferito sarebbe stata una chiavetta per lo streaming Chromecast, e alcune delle conoscenze acquisite dalla Microsoft per la prototipazione di Hobart saranno sicuramente trasferite su XCloud e Scarlett.

Risultati immagini per xbox cloud

Ha particolarmente senso per Microsoft, perché la società ha già il suo servizio di abbonamento digitale Xbox Game Pass, insieme all’esclusivo EA Access di Xbox One. Tuttavia, entrambi questi servizi richiedono di scaricare i giochi, anziché semplicemente eseguirne il flusso. 

Come la console principale, anche il progetto Xbox Scarlett Cloud è previsto per il 2020. Io, per esempio, non vedo l’ora di vedere come sarà l’hardware e quanto costerà l’abbonamento. Dovremmo abbonarci a questo servizio di streaming, Xbox Live Gold e Xbox Game Pass per ottenere la suite completa? Solo il tempo lo dirà.

Il boss di Xbox, Phil Spencer, è da tempo un sostenitore di un servizio streaming di giochi simile a quello che Netflix ha fatto per film e TV. 

“Siamo in un’epoca d’oro della televisione in questo momento”, ha detto Spencer in un’intervista con The Guardian. “L’abilità narrativa in TV oggi è davvero alta, e penso sia dovuto al modello di business, spero che come industria possiamo pensare allo stesso modo.”

Ha anche parlato di rendere la piattaforma di cloud computing di Microsoft Azure più aperta agli studi più piccoli per assicurarsi che abbiano accesso a una vasta rete di server che si estendono su tutto il globo. 

“Non devono andare a comprare un gruppo di server da soli e attaccarli sotto la scrivania e sperare di avere abbastanza giocatori da pagarli”, ha detto nella stessa intervista a Guardian.

Quale sarà il prezzo di Xbox Project Scarlett?

Qui è dove le cose si fanno un po ‘interessanti, perché anche se non abbiamo dettagli ufficiali su quale sarà il prezzo del progetto Scarlett, sarà un argomento abbastanza controverso – specialmente se stiamo guardando ad una famiglia di console.

Risultati immagini per xbox scarlett

L’annuncio originale del prezzo di Xbox One è stato uno dei primi errori fatti da Microsoft con il posizionamento della console. Al momento del lancio, è stato possibile acquistarlo solo con un disco rigido da 500 GB, un controller e un sensore Kinect preconfigurato per 499€. Solo a giugno 2014, oltre sei mesi dopo il lancio originale, Microsoft ha rilasciato una nuova configurazione per Xbox One che ha rimosso Kinect dalla confezion, al prezzo di 399€, corrispondente al prezzo di lancio della PS4. 

Se il progetto PS5 e Xbox Scarlett venisse lanciato nello stesso periodo, Microsoft dovrà fare attenzione a non ripetere gli errori del passato. Ma considerando che Xbox One X è una console migliore rispetto a PS4 Pro, e quindi costa di più, anche in questo caso potremmo assistere ad un prezzo maggiore di Scarlett a causa dei suoi componenti interni. Tuttavia, se entrambe le console stanno assemblando specifiche simili, sarà veramente tutto molto interessante. 

VR su Xbox Project Scarlett?

Microsoft ha una relazione particolare con la realtà virtuale. Per quanto riguarda il PC, la loro iniziativa WIndows Mixed Reality ha riscontrato un discreto successo, con un’ampia varietà di Headset VR leggeri e una vasta libreria di giochi ed esperienze. Lato console, tuttavia, le notizie sono state meno positive: nell’E3 dello scorso anno, il CMO di Microsoft per i giochi ha dichiarato a Gameindustry.biz che “Non abbiamo piani specifici per le console Xbox per la realtà virtuale o realtà mista”.

Risultati immagini per xbox scarlett

Tuttavia, ogni speranza non è persa. Un rapporto di CNET indica che la società stava in realtà pianificando una strategia di VR per Xbox, ma che successivamente è stata abbandonata. 

Detto questo, la società ha indicato che la ragione per non puntare al momento sul VR, era che stavano pianificando di aspettare che fosse disponibile la tecnologia migliore, in particolare le opzioni wireless più robuste. Data l’attuale esplosione di opzioni wireless e standalone, come Oculus ‘Go e Quest e il Vive Focus, è del tutto possibile che Microsoft ripenserà la sua strategia di VR su console prima del lancio del progetto Scarlett. 

Con il continuo successo di Playstation VR, che attualmente vanta il maggior numero di vendite di qualsiasi Headset VR di fascia alta, Microsoft potrebbe avere ancora l’appetito di immergersi in questo mare virtuale, pieno di squali, ma pur sempre allettante. 

Your email address will not be published. Required fields are marked *